Piacere e trasgressione, perché sono così ricercati negli ultimi mesi

piacere-trasgressione

Negli ultimi mesi il piacere e la trasgressione sono costantemente ricercati. Come mai? Che cosa è successo? In buona sostanza, molti tabù si stanno abbattendo e c’è più desiderio di non essere incastrati in alcune situazioni definite scomode. Se prima l’erotismo era qualcosa di cui non accennare assolutamente, oggi è un interessante spunto di conversazione, ma ancor di più di libertà. Quella stessa libertà che sta ritrovando riscontro in individui sempre più felici di vivere l’eros senza paura.

La fantasia del piacere e della trasgressione è sempre stata molto sopita dalla società, che vedeva in questi pensieri un motivo di vergogna e di imbarazzo. A prima vista, infatti, alcune fantasie sono un po’ dei paradossi: rimangono nell’ombra della vita di tutti i giorni, fino a che non si compensano delle evidenti carenze. Le varie ricerche che dagli anni ’80 ad oggi sono state condotte mostrano come gli uomini e le donne vogliano sentirsi sempre meno legati all’ideologia dei pensieri sopiti.

Ci sono ovviamente delle fantasie che si ripropongono in modo evidente, ma in generale ciò che immaginiamo non è sempre riscontrabile nella realtà. O almeno, non tutti cercano poi di realizzare quanto sognato. Alcuni, invece, lo fanno, magari andando su Escort al Top, portale specializzato in annunci di escort a Roma.

Piacere e trasgressione in netto aumento

Tra ieri e oggi, c’è un epocale cambiamento. C’è sempre più il desiderio di provare piacere, e molto meno l’amore, inteso come sentimento romantico. In poche parole, la libertà ha portato inevitabilmente a vivere i rapporti in modo più libero, senza alcuna costrizione o legami. La nuova normalità è quella ricerca costante di nuove emozioni, che non sono in questo caso sinonimo di sentimenti, bensì di esperienze.

Non si vuole più sognare o desiderare, ma mettere in pratica quel che si vede, o le nuove tendenze del mondo dell’eros. Si è sostanzialmente sdoganato un pensiero più morbido e soprattutto flessibile. E il web è diventato la base perfetta per reperire materiale su pratiche diverse dal solito, che possono portare del pepe persino nelle coppie che più non sono avvezze alla trasgressione.

La trasgressione, oltretutto, sta inevitabilmente cambiando il modo di vivere i rapporti. Sempre più italiani infatti sono pronti quasi a tradire, a lasciarsi andare. C’è anche chi preferisce sin da subito vivere un rapporto meno costretto, e dunque vedere altre persone. E non c’è nulla di male: in ogni epoca, dopotutto, si registrano degli importanti cambiamenti, come è normale che sia.

Le tendenze attuali

Un sondaggio condotto da incontri extraconiugali ha messo persino in rilievo che l’88% degli italiani sia molto aperto verso il tradimento. Il poliamore, così come il tradimento senza sensi di colpa, è ormai ampiamente diffuso. La monogamia è quasi diventata noiosa, come si suol dire: è passata di moda. Molti conducono delle vite segrete, o altri preferiscono farlo alla luce del sole, senza porre alcun freno agli incontri o a nuovi partner e flirt.

Le idee accettate sull’eros sono ormai molto diverse dal passato. Il cambiamento è ormai in atto, e c’è davvero ben poco da fare: limitare la libertà, dopotutto, entrerebbe in contrasto con il concetto stesso di democrazia. Senza contare che, alla fine, se alcuni fatti avvengono con piena consapevolezza e senza segreti, non si fa poi del male a nessuno, come invece può causare un tradimento nell’ombra.

Oltretutto, le nuove forme di eros non convenzionali hanno cambiato le vite di coppia, nel segno di una trasgressione sempre più imperante. Abbattendo alcuni tabù, anche il concetto di relazione cambia, ed è inevitabile. In una società che tuttavia ancora oggi giudica, non rimane che scoprire quale sarà l’evolversi delle tendenze nei prossimi anni. Chissà se tornerà in auge l’amore, o sarà definitivamente sconfitto dalla libertà di viversi sotto le lenzuola senza legami.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*