Le migliori applicazioni per ascoltare musica

app musica

Al giorno d’oggi le modalità per ascoltare musica sono radicalmente cambiate rispetto al passato, a causa della presenza di numerose piattaforme di streaming che permettono l’ascolto di canzoni e veri e propri cataloghi registrati e acquistati da queste piattaforme stesse. Il complesso meccanismo di questi servizi, che permettono di ascoltare musica gratuitamente o a pagamento, riesce a offrire un numero considerevole di canzoni e di album che possono essere ascoltati in qualsiasi momento, riducendo da un lato l’acquisto di cd fisici e di altre forme di prodotto discografico, ma allo stesso tempo potendo arricchire il proprio bagaglio musicale p semplicemente dando la possibilità di ascoltare musica in qualsiasi momento. Ma quali sono le migliori applicazioni che possono essere utilizzate per ascoltare musica? Guardando al mercato delle migliori che operano nel settore, è possibile offrire una panoramica di quali siano i servizi più importanti in tal senso.

Spotify

Prima tra le piattaforme che può offrire la possibilità di ascoltare musica in qualsiasi momento, data una grandissima quantità di artisti, album e raccolte, è sicuramente Spotify, applicazione presente sia sui sistemi operativi Android, sia su iOS. L’applicazione in questione permette di ascoltare gratuitamente milioni di brani, a patto che l’utente sopporti la presenza di pubblicità che sono volte al guadagno del servizio stesso, che ovviamente ha numerosi i costi da sostenere per la presenza di canzoni e album ottenuti solo attraverso licenza. 

Allo stesso tempo, il piano standard non permette di ascoltare un album nell’ordine che si preferisce ma soltanto in riproduzione casuale, in modo da permettere lo streaming di tutti i brani presenti all’interno di un disco. Nel caso in cui si vogliono superare queste problematiche, si potrà pagare un semplice abbonamento mensile che risulta essere tutt’altro che dispendioso, soprattutto se paragonato alla grandissima quantità di brani che possono essere ascoltati e di artisti, canzoni e album che possono essere scoperti quotidianamente, senza un acquisto dedicato.

Amazon Music

Come nel settore del cinema e delle serie TV, anche nel campo della musica Amazon è riuscita a rinforzarsi attraverso un supporto molto importante, caratterizzato dall’applicazione di Amazon Music; la stessa funziona esattamente come il canale Prime Video, ovvero offre la possibilità di ascoltare tutta la musica che si vuole, chiaramente se presente all’interno dell’applicazione dopo gli accordi di licenze con le parti interessate, in modo completamente gratuito.

Così come nel caso di Amazon Prime Video, in effetti, il servizio è offerto se si paga regolarmente il proprio account Amazon Prime, che offre numerosissime offerte non soltanto in termini di spedizioni veloci e senza costo, ma anche in servizi aggiuntivi che migliorano sensibilmente la qualità delle proprie attività quotidiane.

Youtube Music

Di terzo ordine, dati tutti i cambiamenti che ci sono stati negli ultimi anni, ma comunque molto importante è YouTube Music, applicazione e servizio di streaming più longevo tra tutti quelli che sono presenti all’interno del mercato, che permette di ascoltare una vasta pletora di artisti, canzoni e album in qualsiasi momento, attraverso gli stessi meccanismi che sono presenti anche all’interno delle altre applicazioni. È importante differenziare YouTube Music dal classico sistema di streaming, che permette di ascoltare musica ma non di offrire il background, ovvero la possibilità di ascoltare canzoni anche a telefono bloccato o mentre si è impegnati su un’altra pagina o applicazione. 

Il piano è gratis per un mese, dato il periodo di prova che viene offerto dalla stessa piattaforma, ed è a pagamento attraverso numerosi sistemi di condivisione, tra amici o all’interno della propria famiglia, che rendono il costo complessivo del servizio incredibilmente irrisorio. Oltretutto, la piattaforma in questione presenta anche alcune esclusive nazionali, che permettono di ascoltare alcuni artisti che naturalmente non verrebbero trovati in altre piattaforme di condivisione musicale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*