Cos’è e come funziona il microbalding

Quando parliamo di Microblading si fa riferimento ad un trattamento estetico molto simile al tatuaggio che lo scopo di correggere tutti i difetti delle sopracciglia e averle sempre in ordine. Viene denominato Microblading perché vengono utilizzate delle particolari micro lame che vanno a creare dei taglietti dove all’interno verrà immesso il pigmento di colore. Questa tecnica è sempre stata utilizzata in Cina e in Giappone e da un po’ di anni è in voga anche in Italia soprattutto nelle grandi città come Roma e Milano.

Inoltre è considerata una tecnica molto impegnativa per chi procede con il trattamento ed è soddisfacente per il cliente che riceve il trattamento. Oggi questa tecnica viene scelta da tantissime donne che in passato hanno avuto problemi con le pinzette o anche problemi di natura estetica nella zona delle sopracciglia.

Sono moltissime le motivazioni che spingono le donne a scegliere questa tecnica, come per esempio per migliorare la loro forma, per la perdita grazie a cause esterne oppure per intervenire in caso di diradamento, al fine di farle ritornare in perfetta forma.

Per approfondire su tutto ciò che attiene il microblading, vedere qui.

Come si esegue al tecnica del Microblading?

La tecnica del Microblading si esegue allo stesso modo in cui viene eseguito un tatuaggio. Grazie all’utilizzo di uno strumento, una piccola penna con la lama inclinata vengono inseriti degli aghi sottilissimi. Questi aghi però non penetrano all’interno della pelle ma vanno a produrre dei piccoli graffi sulla superficie delle sopracciglia. Dopodiché, all’interno di questi piccoli taglietti viene inserito del pigmento.

Dunque, attraverso il Microblading si va a ricreare l’arcata direttamente sotto la pelle. A livello estetico esistono diverse tecniche di Microblading: abbiamo il caso della microforatura, un trattamento simile al tatuaggio delle sopracciglia che comporta anche un’aggiunta alla forma delle classiche sopracciglia; il microshading, un trattamento che viene effettuato solo su pelli delicate e sensibili e infine abbiamo il Microblading a peletto che consente di disegnare le sopracciglia partendo da ogni singolo pelo, con lo scopo di creare un effetto naturale.

Il Microblading è molto doloroso?

La tecnica del Microblading non è affatto dolorosa, al massimo può generare un po’ di fastidio. Infatti a differenza del tatuaggio che provoca dolore, questa tecnica detta anche tecnica di dermopigmentazione non genera dolore. Anche a termine del trattamento non si sentirà nessun dolore, magari solo un po’ di rossore sulla zona. Il paziente deve eseguire con attenzione tutto il trattamento applicando creme come la vaselina, come se fosse un tatuaggio. Trascorso un pò di tempo, i dolori e rossori si ridurranno al minimo.

Quanto dura la tecnica del Microblanding?

Come già accennato, quando parliamo di Microblanding ci riferiamo ad una tecnica permanente/semipermanente che tende a restare sul viso per un pò di mesi. Ovviamente il trattamento è senz’altro soggettivo, non c’è un durata e tutto dipende sia dalla tipologia di pelle del paziente ma anche alla modalità di lavoro del dermopigmentista.

Infatti, questo fattore è molto importante poiché se il lavoro non viene fato in modo corretto, si rischia che il pigmento vada troppo sotto la pelle creando l’effetto di pelle morta che si stacca dopo poche settimane. Tutto ciò sta a indicare che prima di iniziare con il lavoro, il professionista deve dare una consulenza su tutto il procedimento e per effettuarlo è essenziale un approccio personalizzato. In base alla tipologia della pelle della paziente verrà effettuato il trattamento.

A chi è rivolta la tecnica del Microblading?

Come già accennato, la tecnica del Microblading è indicata a tutte quelle donne che vogliono correggere tutti i difetti delle loro sopracciglia, come per esempio il diradamento, perdita per cause particolari, oppure perché non vogliono sottoporsi a ore e ore di trucco tradizionale. In particola modo tale tecnica è utile per:

    • la presenza di cicatrici;
    • per sopracciglia troppo alzate;
    • per sopracciglia non troppo folte;
    • per sopracciglia che non hanno una forma corretta e non sono simmetriche;
    • per avere sopracciglia perfette e modellate;
    • per chi non vuole stare troppo tempo davanti allo specchi a disegnare le sopracciglia naturali;

Dunque con il Microblading si vanno a correggere la maggior parte dei difetti, al fine di ottenere un effetto camouflage.

Il Microblading ha controindicazioni?

Il cliente prima di effettuare questo trattamento deve essere cosciente delle sue condizioni di salute. I pigmenti inseriti all’interno della pelle sono ipoallergenici e nella maggior parte dei casi cercano di dare un numero minimo di rischi ai soggetti. Dunque è compito dello specialista avvisare il cliente che ha particolari situazioni immunitarie.

Infatti questa tecnica non potrà essere eseguita in pazienti che hanno malattie riguardanti la coagulazione del sangue, pazienti che una pressione sanguigna elevata, pazienti che hanno disturbi come psoriasi, eczema o altre infiammazioni della pelle oppure pazienti che nei 30 giorni precedenti hanno effettuato iniezioni di Botox. É dunque importante valutare che la persona che vi effettuerà il trattamento sarà una persona competente e con adeguate certificazioni per svolgere la sua professione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*