Lampadari Tiffany, come riconoscere quelli originali

lampadari-tiffany-originali

Come si riconoscono i lampadari Tiffany da quelli che invece ricreano (a volte abilmente) lo stile Tiffany? La produzione di lampade e lampadari è in netto aumento nell’ultimo periodo. I modelli autentici, che sono stati fabbricati a cavallo tra l’800 e il ‘900 a New York, negli studi Tiffany, sono ormai ben pochi. E con il mercato dello stile Tiffany che ha raggiunto un’espansione importante, spesso capita di acquistare un prodotto che, purtroppo, non si rivela né autentico né originale, con differenze sostanziali.

Sebbene esistano delle riproduzioni definite copie legali delle Lampade di Louis Comfort Tiffany, ne esistono dei modelli che sono stati rielaborati, senza però seguire i dettami dello stile originale al 100%. Ci sono però dei consigli e suggerimenti che possono tornare molto utili, in particolare perché spesso il vetro è sostituito da altri materiali, come la plastica. Approfondiamo le caratteristiche dei veri lampadari Tiffany. Soprattutto, però, impariamo a riconoscere le regole Tiffany.

Lampadari Tiffany: come si valuta la qualità?

La tecnica di assemblaggio del vetro colorato proposta da Louis Comfort Tiffany fa ancora parlare di sé al giorno d’oggi. Lo stile Tiffany non passerà mai di moda, in particolare perché è molto adatto all’arredo classico, shabby o addirittura moderno, se ben abbinato. La brillantezza del vetro non va sottovalutata: nulla è come il vetro per rimandare la tonalità dei colori scelti, ma anche per la brillantezza e la luminosità.

Sono molto diffuse delle lampade non originali Tiffany in plastica, e ti daremo un consiglio utile su come capire se ti trovi di fronte a un pezzo autentico, oppure a una riproduzione poco parziale. La qualità del pezzo, poi, non va assolutamente sottovalutata: ti diamo tutti i suggerimenti per capire se stai per acquistare un pezzo antico o una riproduzione.

Come si riconosce un lampadario Tiffany originale?

Una delle tecniche più diffuse per capire se ci troviamo di fronte a un lampadario Tiffany originale al 100% è fare la prova del vetro. I passaggi sono davvero semplici e tutto ciò di cui avrai bisogno è di un accendino e di un ago. Prima di tutto, riscalda l’ago con l’accendino e attendi fino a quando non diventa quasi rosso. Successivamente, passa l’ago sul lampadario o sulla lampada: nel caso in cui fosse plastica, infatti, inizierebbe a sciogliersi.

In ogni caso, però, è bene sottolineare che non è solo la presenza del vetro a rendere il vostro lampadario Tiffany al 100%. Sì, perché ci sono tanti altri aspetti da non sottovalutare: la lampada potrebbe non essere un pezzo vecchio e soprattutto raro, ma una riproduzione abbastanza fedele dello stile Tiffany. Cosa fare a questo punto? Quali sono i punti su cui soffermarti maggiormente?

Ci sono davvero molti modi per effettuare un’ispezione della lampada Tiffany. Per esempio, un grande classico è la presenza del pesante anello di piombo alla base in bronzo cavo. Di solito, nelle riproduzioni si utilizzano perlopiù zinco, ottone, legno, resina o metallo bianco.

Lampadario Tiffany originale al 100%: come dovrebbe essere?

La base in bronzo originale di un lampadario Tiffany dovrebbe presentare inoltre una patina, una sorta di pellicola di colore bruno o verde. La patina significherebbe sostanzialmente che è avvenuto un processo di ossidazione: testimonierebbe l’antichità del pezzo, che in questo senso avrebbe un valore davvero inestimabile.

C’è di più, inoltre: come si accendevano le lampade Tiffany originali? Con un pulsante rotante o con catene. Invece, ti invitiamo a non fare troppo riferimento al sistema di marcatura Tiffany, in quanto è stato soggetto a numerosi cambi negli anni ed è facile da riprodurre. Se sei in cerca di lampade e lampadari Tiffany originali, visita Tiffany Sicuro, lo shop online che ti permette di fare acquisti protetti e soprattutto autentici.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*